L’euro è caduto mercoledì in un mercato di avversione al rischio e potrebbe rimanere in secondo piano, secondo gli analisti di Commerzbank, che affermano che recuperare l’iniziativa verso l’alto è un compito difficile ” per la moneta unica oggi. La moneta unica dell’Europa, insieme a quasi tutto il resto nell’universo del G10, ha lasciato il posto a un dollaro in ripresa durante una sessione di mercoledì che lo ha visto recedere ancora di più da una serie di livelli tecnici chiave che devono essere prima superati affinché l’euro -a- Tasso del dollaro per avanzare significativamente. Il dollaro è stato richiesto mercoledì tra le rinnovate preoccupazioni per le prospettive per l’economia mondiale. È in aumento da settimane con l’entrata in pratica delle speranze di riforma, ma sembra che molti investitori non fossero sicuri che il conto sarebbe andato così lontano, vista la continuazione della ripresa. Il dollaro australiano è spesso percepito come un indicatore del sentimento cinese, dato il predominio della Cina come principale partner commerciale dell’Australia.
I prestiti affidati sono diminuiti per la prima volta dal 2008 nello stesso periodo. La banca ha affermato per un po ‘che ora crede che i tassi di interesse del Regno Unito dovrebbero essere aumentati per evitarlo. Continuiamo a ritenere che i recenti guadagni della sterlina si basino su basi instabili con rischi ancora orientati verso il basso nei prossimi mesi. La Bank of England (BoE) afferma che la sua probabile risposta a un Brexit “ nessun accordo ” non è scritta nella pietra, ma la maggior parte degli analisti afferma che la BoE probabilmente ridurrà il suo tasso di interesse dopo tale gioco, allo stesso modo lo ha fatto dopo il referendum. Il sistema bancario ombra rimane una fonte chiave di rischio per la stabilità finanziaria dopo anni di rapida crescita che ha aumentato l’interconnessione del sistema e reso alcune banche vulnerabili alle pressioni sui finanziamenti e sulla liquidità. Pertanto, sembra probabile che il sistema bancario ombra continuerà ad affrontare un maggiore controllo regolamentare, almeno fino a quando le autorità saranno a proprio agio con la crescita economica. Le ragioni possono essere molte filiali bancarie basse, infrastrutture finanziarie sottosviluppate, basso livello di istruzione finanziaria e molte altre.

Le azioni europee non hanno potuto sfuggire alla sconfitta con un gruppo di azioni in calo di quasi il 2% nelle prime operazioni. Anche sentendo il morso, i titoli globali sono entrati nei primi scambi con i mercati azionari cinesi al di sotto del 5% quando i mercati sono stati scambiati per il potenziale di ripresa di una vera e propria guerra commerciale. Gli investitori sono stati profondamente scettici per qualche tempo sulla possibilità di riforme, e anche se ci sono ancora ostacoli da superare, votare durante il fine settimana significa che ora le cose possono andare avanti. Tuttavia, data la propensione di Trump alle esplosioni spontanee, dovrebbero rimanere in allerta a causa dell’impatto chiaro e immediato che solo poche centinaia di personaggi possono avere sui mercati globali. Molti investitori, analisti e attori politici affermano anche che gli effetti a breve termine potrebbero essere acuti, con nuovi processi nei porti e la carenza di spazi di stoccaggio che portano a una fornitura limitata di alcuni articoli, compresi medicinali e alimenti.

Il settore bancario ombra cinese si è ridotto in risposta alla restrizione normativa lanciata all’inizio del 2017, che potrebbe far fronte a determinati rischi per il sistema finanziario se continuerà a medio termine, afferma Fitch Rating. I mercati finanziari ritengono che lasciare l’UE sia un passo verso l’ignoto che, paradossalmente, porterà a una crescita economica più lenta e a tassi di interesse a lungo termine più bassi. I mercati azionari sono stati venduti con altre “attività a rischio”, mentre sono state acquistate obbligazioni e valute di protezione come il dollaro e lo yen giapponese dopo che è stato riferito che il presidente Xi Jingping stava prendendo in considerazione ritorsioni contro gli Stati Uniti. UU. Huawei

Written by