“LIVE: il dollaro australiano in primo piano sui dati del PIL cinese” è stato pubblicato dall’Asia Research Institute in collaborazione con il Center for Economic Policy Research. L’istituto è una delle principali agenzie che segue da vicino gli indicatori e le tendenze dell’economia globale, in particolare quelli che influenzano le economie asiatiche.

Secondo l’istituto, i dati economici mostrano che l’economia cinese cresce a un tasso annualizzato del 7,5% nel terzo trimestre del 2020. Con la crisi economica globale, l’economia globale sta tornando al suo normale funzionamento. Per il momento le principali economie sono state in grado di evitare qualsiasi tipo di shock negativo significativo.

D’altra parte, è possibile che la Cina subisca un forte rallentamento e contrazione. Poiché il terzo trimestre del 2020 è stato uno dei più lenti della storia recente, ci sono molte preoccupazioni su quali potrebbero essere i risultati di una simile situazione.

Anche il paese ha riscontrato alcuni problemi. Il governo ha risposto in maniera forte, ma i problemi continuano ad aggravarsi.

In passato, il governo ha utilizzato i controlli valutari per controllare l’inflazione e stabilizzare l’economia, soprattutto durante il suo periodo di transizione più recente. Queste misure si sono rivelate inefficaci perché, sebbene abbiano contribuito a stabilizzare l’economia, hanno anche causato gravi problemi all’economia del Paese.

Secondo gli analisti, l’attuale situazione della Cina è il risultato delle politiche economiche adottate dal governo cinese negli ultimi due anni. In effetti, ci sono molte ragioni per cui il governo ha implementato le politiche, inclusa la necessità di mantenere la stabilità dell’economia del paese, così come il fatto che la Cina deve assicurarsi di poter mantenere la sua posizione di attore economico dominante nel mercato globale.

Tuttavia, nonostante le recenti riforme, molte persone sostengono che la performance economica della Cina continuerà a migliorare solo se le riforme continueranno a funzionare. Sostengono inoltre che i recenti cambiamenti nel mercato dei cambi non sono stati tutti negativi, perché alcuni vantaggi sono stati ottenuti dagli investitori sotto forma di tassi più bassi.

Come mostrano gli ultimi dati economici, il Paese ha compiuto notevoli progressi, anche se ci sono ancora alcuni fattori negativi che potrebbero frenarne la crescita. Il problema sta nel modo in cui il Paese affronterà la crisi attuale.

Per gli investitori nella regione asiatica, i dati economici attuali possono essere una buona notizia, soprattutto considerando gli effetti positivi che alcuni analisti hanno previsto. Tuttavia, il governo dovrebbe anche considerare come l’attuale crisi potrebbe portare a una situazione più difficile.

Mentre molti esperti hanno affermato che gli attuali problemi in Cina renderanno la Cina più competitiva, altri affermano che la situazione nel paese continuerà a peggiorare nei prossimi anni. Nel frattempo, il paese continuerà a registrare una crescita economica più lenta e un’inflazione elevata. Ciò significa che il paese non sarà in grado di dare un contributo così ampio alla domanda globale come vorrebbe.

La crescita economica sarà probabilmente influenzata anche dagli sforzi del governo cinese per renderlo meno dipendente dalla domanda esterna per i suoi beni e servizi. Tuttavia, questo non compenserà i problemi del paese con la propria economia interna, che è in gran parte causata dalla corruzione.

Nel frattempo, alcuni esperti concordano sul fatto che i recenti dati economici sono semplicemente un segno di cose a venire. Finché il governo continuerà ad attuare politiche volte a stabilizzare l’economia, il paese continuerà a sperimentare maggiori complicazioni.

Sebbene i recenti dati economici possano mostrare che la Cina sta affrontando problemi, è comunque importante che gli investitori nella regione asiatica rimangano pazienti. Poiché il paese ha fatto grandi progressi, i prossimi anni si dimostreranno solo impegnativi, ma questo non significa che il paese non possa emergere come forza economica dominante. Inoltre, il problema della corruzione in Cina non interessa tutti i settori dell’economia, ma colpisce alcune industrie più di altre.

Written by